Cerca
Close this search box.
Caligola
  • Home
  • Cucina e storia
  • La rosticceria siciliana: cos’è e come si declina nella cucina siciliana

La rosticceria siciliana: cos’è e come si declina nella cucina siciliana

  • Cucina e storia

Cos’è la rosticceria siciliana

Chiunque entri in un bar siciliano, sarà senza dubbio attirato dalla grande varietà di dolci e gelato che troverà nel bancone. Ma ciò che salterà altrettanto all’occhio sarà senza dubbio la rosticceria

Anch’essa parte dello street food, la rosticceria è una delle specialità della cucina siciliana. Non è un piatto vero e proprio, bensì una specialità che può essere declinata in modi diversi. In linea con la varietà dei piatti siciliani, anche la rosticceria è alla portata di tutti i palati. Si tratta principalmente di lievitati, fritti o al forno, che possono contenere diversi ripieni. Condita con würstel, prosciutto e mozzarella, pomodoro, verdure, carne e formaggi, la rosticceria siciliana è senza dubbio una delle principali prelibatezze dello street food. 

Tra i pezzi più famosi troviamo il rollò con il würstel, le pizzette, i calzoni fritti o al forno e le ravazzate.

La storia della rosticceria siciliana

Parte integrante della storia della Sicilia, ai Greci dobbiamo l’introduzione di diversi alimenti nell’isola. L’ulivo, il farro e anche le tecniche di vendemmia sono arrivate in Sicilia per la prima volta grazie a loro e costituiscono oggi la base di diversi piatti della cucina siciliana. In particolare il farro veniva usato per cucinare diversi piatti siciliani, creando pane, pasta e dolci o arricchendo le zuppe.

Furono poi i Musulmani d’Africa a permettere di evolvere i piatti della cucina siciliana, portando sull’isola ingredienti come il riso, il gelsomino, la cannella e la canna da zucchero.

Grazie all’arrivo di questi ingredienti, fu possibile arricchire la cucina siciliana con dolci di diverso tipo, ma fu durante il regno di Federico II di Svevia e grazie ai suoi cuochi che nacque la vera e propria rosticceria siciliana. Federico II era amante della buona cucina e spesso organizzava banchetti, per cui i suoi cuochi creavano pietanze sempre nuove, attingendo alla cultura gastronomica dell’isola, contaminata da diversi popoli nel corso dei secoli.

La rosticceria siciliana è un ottimo esempio di come, nella cucina siciliana, si mescolino tradizioni e culture che accorpano tutta la storia della Sicilia, in un insieme di sapori che soddisfa tutti i palati.

Condividi su: